ADDERLEY CANNONBALL :  SOMETHIN' ELSE  (POLL WINNERS)

Tornato a New York, Cannonball, che aveva firmato un accordo per fare un disco, mi ha chiesto di suonare con lui in quella sessione e io l'ho fatto come un favore. Il disco si chiamava Somethin' Else ed era molto bello. Così parla Miles Davis di Somethin' Else nella sua autobiografia. Anche se al momento della sua pubblicazione fu considerato un'ordinaria sessione di registrazione di jazzisti professionisti, la popolarità di questo album è cresciuta negli anni fino ad essere considerato uno dei migliori album jazz di sempre. Nel periodo in cui ha registrato Somethin' Else, Cannonball Adderley aveva già inciso numerosi dischi a proprio nome con il suo quintetto (tra cui Sophisticated Swing, qui incluso come bonus album) ed era membro del sestetto di Miles Davis, al fianco del pianista Bill Evans, del bassista Paul Chambers e del batterista Jimmy Cobb. In Somethin' Else Adderley è affiancato invece, oltre che dallo stesso Miles, da Hank Jones, Sam Jones e Art Blakey. Il booklet comprende le note di copertina originali di entrambi gli album (Something Else e Sophisticated Lady), oltre alla recensione del 1958 di Dom Cerulli per il Down Beat Magazine e il Blindfold Test del 1959 fatto a Cannonball Adderley da Leonard Feather.
ADDERLEY CANNONBALL
SOMETHIN' ELSE
POLL WINNERS - CD: PWR 27212
"Tornato a New York, Cannonball, che aveva firmato un accordo per fare un disco, mi ha chiesto di suonare con lui in quella sessione e io l'ho fatto come un favore. Il disco si chiamava "Somethin' Else" ed era molto bello". Così parla Miles Davis di "Somethin' Else" nella sua autobiografia. Anche se al momento della sua pubblicazione fu considerato un'ordinaria sessione di registrazione di jazzisti professionisti, la popolarità di questo album è cresciuta negli anni fino ad essere considerato uno dei migliori album jazz di sempre. Nel periodo in cui ha registrato "Somethin' Else", Cannonball Adderley aveva già inciso numerosi dischi a proprio nome con il suo quintetto (tra cui "Sophisticated Swing", qui incluso come bonus album) ed era membro del sestetto di Miles Davis, al fianco del pianista Bill Evans, del bassista Paul Chambers e del batterista Jimmy Cobb. In "Somethin' Else" Adderley è affiancato invece, oltre che dallo stesso Miles, da Hank Jones, Sam Jones e Art Blakey. Il booklet comprende le note di copertina originali di entrambi gli album ("Something Else" e "Sophisticated Lady"), oltre alla recensione del 1958 di Dom Cerulli per il Down Beat Magazine e il Blindfold Test del 1959 fatto a Cannonball Adderley da Leonard Feather.
anche disponibiliemissione del 01 Febbraio 2010