DR DAS :  EMERGENCY BASSLINES  (VU RECORDINGS)

Dopo essere stato per più di tredici anni una delle anime degli Asian Dub Foundation, gruppo di cui è stato anche fondatore, il bassista Dr Das pubblica il suo primo disco da solista Emergency Basslines. Facendo confluire in un unico album le sue esperienze di musicista, produttore e programmatore, Dr Das  presenta un ritorno alle sue prime esperienze musicali in quella scena underground londinese che ha visto la nascita degli Asian Dub Foundation. Pur rimanendo fedele alle linee di basso ed al groove che hanno caratterizzato la musica degli Asian Dub Foundation, determinandone il successo, Dr Das vira ora verso un dub più sperimentale e minimale in cui gli arrangiamenti e gli strumenti melodici lasciano il posto a beat e suoni campionati. L'elettronica, da sempre una componente importante della sua musica, si ritrova ora in primo piano e, forse proprio per questo, perde quella freddezza ed aridità che normalmente la caratterizza. L'idea di fondo è quella di creare un suono più intimo e comunicativo attraverso cui gli ascoltatori sono stimolati non solo a ballare, ma anche ad ascoltare l'accattivante interazione tra basso e percussioni.
DR DAS
EMERGENCY BASSLINES
VU RECORDINGS - CD: DGD 19430
Dopo essere stato per più di tredici anni una delle anime degli Asian Dub Foundation, gruppo di cui è stato anche fondatore, il bassista Dr Das pubblica il suo primo disco da solista "Emergency Basslines". Facendo confluire in un unico album le sue esperienze di musicista, produttore e programmatore, Dr Das presenta un ritorno alle sue prime esperienze musicali in quella scena underground londinese che ha visto la nascita degli Asian Dub Foundation. Pur rimanendo fedele alle linee di basso ed al groove che hanno caratterizzato la musica degli Asian Dub Foundation, determinandone il successo, Dr Das vira ora verso un dub più sperimentale e minimale in cui gli arrangiamenti e gli strumenti melodici lasciano il posto a beat e suoni campionati. L'elettronica, da sempre una componente importante della sua musica, si ritrova ora in primo piano e, forse proprio per questo, perde quella freddezza ed aridità che normalmente la caratterizza. L'idea di fondo è quella di creare un suono più intimo e comunicativo attraverso cui gli ascoltatori sono stimolati non solo a ballare, ma anche ad ascoltare l'accattivante interazione tra basso e percussioni.
anche disponibiliemissione del 01 Luglio 2007