DAM :  DEDICATION  (EGEA IMPORT)

Nati in un piccolo centro a 20 km da Gerusalemme, i fratelli Tamer e Suhell Nafar e Mahmoud Jreri hanno vissuto un'infanzia comune in un luogo di confine che racchiude un mix culturale vista la presenza sia di arabi che di ebrei. Crescere musicalmente in una zona simile vuol dire assorbire sia i contrasti dettati dalla storia e da una politica di odio, ma anche gli input positivi di ogni singola cultura. La scelta di combinare le percussioni arabe e le melodie mediorientali in forma urban/hip hop/rap è stata un'intuizione azzeccata che ha permesso ai Dam di farsi conoscere in tutto il territorio raggiungendo picchi di notorietà davvero alti. Qualsiasi scelta artistica intrapresa è una conseguenza di un lavoro di gruppo, un sintomo di coesione che si manifesta soprattutto nei testi. Nodo cruciale della comunicazione dei Dam è il conflitto tra Israele e Palestina in una visione che si allarga a tutto il medioriente. Dopo l'album di debutto Stop Selling Drugs (1998) seguì una seconda produzione intitolata Min Irhabi (chi è il terrorista?) del 2001 che diventò un vero successo: più di un milione di persone scaricarono il brano dal sito arabrap.net e iniziarono anche le prime collaborazioni in Francia con Manu Chao, Zebda, Noir Desir ed altri artisti. Da questo momento la loro musica è stata intesa come un vero simbolo di pace ed i loro brani hanno fatto da colonna sonora a film e documentari sia in Europa che negli Usa. Con Dedication nasce un nuovo messaggio, gridare al mondo la voglia di coesione tra i popoli specialmente in un periodo in cui ogni equilibrio sembra essere perduto.
DAM
DEDICATION
EGEA IMPORT - CD: RCM 1
Nati in un piccolo centro a 20 km da Gerusalemme, i fratelli Tamer e Suhell Nafar e Mahmoud Jreri hanno vissuto un'infanzia comune in un luogo di confine che racchiude un mix culturale vista la presenza sia di arabi che di ebrei. Crescere musicalmente in una zona simile vuol dire assorbire sia i contrasti dettati dalla storia e da una politica di odio, ma anche gli input positivi di ogni singola cultura. La scelta di combinare le percussioni arabe e le melodie mediorientali in forma urban/hip hop/rap è stata un'intuizione azzeccata che ha permesso ai Dam di farsi conoscere in tutto il territorio raggiungendo picchi di notorietà davvero alti. Qualsiasi scelta artistica intrapresa è una conseguenza di un lavoro di gruppo, un sintomo di coesione che si manifesta soprattutto nei testi. Nodo cruciale della comunicazione dei Dam è il conflitto tra Israele e Palestina in una visione che si allarga a tutto il medioriente. Dopo l'album di debutto "Stop Selling Drugs" (1998) seguì una seconda produzione intitolata "Min Irhabi" (chi è il terrorista?) del 2001 che diventò un vero successo: più di un milione di persone scaricarono il brano dal sito arabrap.net e iniziarono anche le prime collaborazioni in Francia con Manu Chao, Zebda, Noir Desir ed altri artisti. Da questo momento la loro musica è stata intesa come un vero simbolo di pace ed i loro brani hanno fatto da colonna sonora a film e documentari sia in Europa che negli Usa. Con "Dedication" nasce un nuovo messaggio, gridare al mondo la voglia di coesione tra i popoli specialmente in un periodo in cui ogni equilibrio sembra essere perduto.
anche disponibiliemissione del 01 Novembre 2006