AL QANTARAH :  TROPARIUM DE CATANIA-  FESTE E CANTI DELLA SICILIA NORMANNA  (PROMO MUSIC)

Troparium de Catania - Feste e Canti della Sicilia Normanna di Al Qantarah evoca i suoni di una Sicilia multietnica attraverso musica vcoale e strumentale spaziando dal religioso al laico, dal colto al popolare. La tradizionale musica scritta viene accostata alla tradizione orale dei canti siciliani. La strumentazione medievale utilizzata per le registrazioni proviene dalla tradizione sicula, araba e persiana, in evidente sintonia con la ricostruzione multietnica del repertorio. Questa musica può risuonare oggi con la stessa forza di nove secoli fa e possiamo immaginarla quasi stridente utilizzata per accompagnare i servizi liturgici in tempi in cui la maggior parte dei canti era nel tradizionale stile gregoriano, più meditativo e contenuto. Il contrasto con questo nuovo tipo di canti deve essere stato particolarmente forte, e la pratica della polifonia ancor di più. Ma proprio come la chiese medievali venivano spesso ricostruite, risultando una mescolanza di stili architettonici, così anche la musica della liturgia medievale era fatta di diverse stratificazioni storiche. I Troparia siculo-normanni colgono una delle stratificazioni più moderne dal periodo in cui la potenza normanna fu al suo apice.
AL QANTARAH
TROPARIUM DE CATANIA- FESTE E CANTI DELLA SICILIA NORMANNA
PROMO MUSIC - CD: PMCD 3
"Troparium de Catania - Feste e Canti della Sicilia Normanna" di Al Qantarah evoca i suoni di una Sicilia multietnica attraverso musica vcoale e strumentale spaziando dal religioso al laico, dal colto al popolare. La tradizionale musica scritta viene accostata alla tradizione orale dei canti siciliani. La strumentazione medievale utilizzata per le registrazioni proviene dalla tradizione sicula, araba e persiana, in evidente sintonia con la ricostruzione multietnica del repertorio. Questa musica può risuonare oggi con la stessa forza di nove secoli fa e possiamo immaginarla quasi stridente utilizzata per accompagnare i servizi liturgici in tempi in cui la maggior parte dei canti era nel tradizionale stile gregoriano, più meditativo e contenuto. Il contrasto con questo nuovo tipo di canti deve essere stato particolarmente forte, e la pratica della polifonia ancor di più. Ma proprio come la chiese medievali venivano spesso ricostruite, risultando una mescolanza di stili architettonici, così anche la musica della liturgia medievale era fatta di diverse stratificazioni storiche. I Troparia siculo-normanni colgono una delle stratificazioni più moderne dal periodo in cui la potenza normanna fu al suo apice.
anche disponibiliemissione del 15 Marzo 2006