TOMMASO GIOVANNI & JASMINE :  AS TIME GOES BY  (PARCO DELLA MUSICA)

Nuovo progetto per Giovanni Tommaso che nonostante la sua lunga carriera, dagli esordi con il Quartetto di Lucca, la sua città, le fortunate opportunità di suonare e registrare dischi con i grandi della storia del jazz come Sonny Rollins, Max Roach, Elvin Jones, John Lewis, Dexter Gordon, all'avventura del Perigeo che formò negli anni '70 con un successo internazionale che difficilmente verrà eguagliato (i loro dischi non hanno mai smesso di vendere in tutto il mondo ancora oggi!) e ai vari Quintetti di cui hanno fatto parte fin dal loro esordio jazzisti del calibro di Massimo Urbani, Paolo Fresu, Danilo Rea, Roberto Gatto e molti altri, sembra mostrare una inesauribile vena creativa. Questa volta è con lui la figlia Jasmine, in un dialogo padre-figlia all'insegna del linguaggio jazzistico. 'Come passa il tempo', 'il tempo vola', 'sembra ieri', alcune delle tante frasi che descrivono il trascorrere del tempo. Il tempo è inesorabile, non si può fermare e non si può tornare indietro e la nostra vita ne è solo un frammento. Per questo i ricordi del nostro passato hanno un ruolo determinante e spesso vengono associati alla nostalgia, anche qualora fossero brutti ricordi. Qualcuno ha il potere di ricordare certi eventi come se li rivivesse, ma certamente un conto è 'vivere i ricordi' e un altro è 'vivere di ricordi'. Per questo l'importante è vivere il presente! Questa collaborazione 'padre e figlia' celebra il passaggio del tempo che mescola magicamente passato e futuro, nel senso che il presente con la sua progettualità potrebbe anche influenzarne il suo futuro.
TOMMASO GIOVANNI & JASMINE
AS TIME GOES BY
PARCO DELLA MUSICA - CD: MPRCD 126
Nuovo progetto per Giovanni Tommaso che nonostante la sua lunga carriera, dagli esordi con il Quartetto di Lucca, la sua città, le fortunate opportunità di suonare e registrare dischi con i grandi della storia del jazz come Sonny Rollins, Max Roach, Elvin Jones, John Lewis, Dexter Gordon, all'avventura del Perigeo che formò negli anni '70 con un successo internazionale che difficilmente verrà eguagliato (i loro dischi non hanno mai smesso di vendere in tutto il mondo ancora oggi!) e ai vari Quintetti di cui hanno fatto parte fin dal loro esordio jazzisti del calibro di Massimo Urbani, Paolo Fresu, Danilo Rea, Roberto Gatto e molti altri, sembra mostrare una inesauribile vena creativa. Questa volta è con lui la figlia Jasmine, in un dialogo padre-figlia all'insegna del linguaggio jazzistico. 'Come passa il tempo', 'il tempo vola', 'sembra ieri', alcune delle tante frasi che descrivono il trascorrere del tempo. Il tempo è inesorabile, non si può fermare e non si può tornare indietro e la nostra vita ne è solo un frammento. Per questo i ricordi del nostro passato hanno un ruolo determinante e spesso vengono associati alla nostalgia, anche qualora fossero brutti ricordi. Qualcuno ha il potere di ricordare certi eventi come se li rivivesse, ma certamente un conto è 'vivere i ricordi' e un altro è 'vivere di ricordi'. Per questo l'importante è vivere il presente! Questa collaborazione 'padre e figlia' celebra il passaggio del tempo che mescola magicamente passato e futuro, nel senso che il presente con la sua progettualità potrebbe anche influenzarne il suo futuro.
anche disponibiliemissione del 28 Giugno 2021