JOHNSON JEREMIAH :  UNEMPLOYED HIGHLY ANNOYED  (RUF)

L'emergenza Covid ha quasi lasciato Jeremiah Johnson senza lavoro, ma il cantante e chitarrista blues di St. Louis non si  lasciato abbattere da questo difficile momento ed ha risposto con un nuovo disco intitolato Unemployed Highly Annoyed. Racconta l'artista: Questa disoccupazione forzata  stata pi che frustrante. Cos mi sono deciso a creare un album di canzoni ispirate al Covid-19. Ho provato a trasformare in musica queste montagne russe emozionali ed alla fine ne  nato un vero concept album. Il risultato finale  uno splendido disco blues e roots rock caratterizzato dalla straordinaria chitarra di Johnson e dalla sua voce appassionata che canta con il tipico stile dell'America del sud. Unemployed Highly Annoyed  stato concepito, interpretato e registrato da tre eccellenti musicisti: l'esperto batterista Tony Antonelli, il bassista Paul Niehaus IV che si  anche occupato della produzione e naturalmente Jeremiah Johnson che ha reso il tutto speciale con la sua chitarra e la sua voce. Racconta Johnson: Non si trattava di suonare perfettamente o di ottenere un suono fluido. Al contrario: ho collegato la mia unica chitarra direttamente all'amplificatore. Avendo registrato quasi tutto dal vivo, anche la passione e l'energia delle canzoni dovevano essere mantenute. Fondamentalmente si ascoltano tre musicisti disoccupati, piuttosto disperati, che fanno qualcosa per evitare di finire al verde!. I brani della tracklist, tutti originali del chitarrista tranne l'ultimo, raccontano delle emozioni e delle situazioni collegate alla pandemia come ad esempio la speranza di poter di nuovo fare ed assistere a concerti dal vivo, le strane dinamiche di coppia che si sono create durante la quarantena o la voglia di ricominciare a vivere e al tempo stesso la paura di non poterlo fare. L'ottavo ed ultimo brano dell'album  invece un'appassionata cover del classico di Luther Allison Cherry Red Wine. In Unemployed Highly Annoyed Johnson ha unito i suoni dell'America meridionale con il blues del Mississippi ed un tocco di country per regalare all'ascoltatore un'istantanea dei nostri tempi turbolenti.
JOHNSON JEREMIAH
UNEMPLOYED HIGHLY ANNOYED
RUF - Vinile: RUFLP 2069
L'emergenza Covid ha quasi lasciato Jeremiah Johnson senza lavoro, ma il cantante e chitarrista blues di St. Louis non si lasciato abbattere da questo difficile momento ed ha risposto con un nuovo disco intitolato "Unemployed Highly Annoyed". Racconta l'artista: "Questa disoccupazione forzata stata pi che frustrante. Cos mi sono deciso a creare un album di canzoni ispirate al Covid-19. Ho provato a trasformare in musica queste montagne russe emozionali ed alla fine ne nato un vero concept album". Il risultato finale uno splendido disco blues e roots rock caratterizzato dalla straordinaria chitarra di Johnson e dalla sua voce appassionata che canta con il tipico stile dell'America del sud. "Unemployed Highly Annoyed" stato concepito, interpretato e registrato da tre eccellenti musicisti: l'esperto batterista Tony Antonelli, il bassista Paul Niehaus IV che si anche occupato della produzione e naturalmente Jeremiah Johnson che ha reso il tutto speciale con la sua chitarra e la sua voce. Racconta Johnson: "Non si trattava di suonare perfettamente o di ottenere un suono fluido. Al contrario: ho collegato la mia unica chitarra direttamente all'amplificatore. Avendo registrato quasi tutto dal vivo, anche la passione e l'energia delle canzoni dovevano essere mantenute. Fondamentalmente si ascoltano tre musicisti disoccupati, piuttosto disperati, che fanno qualcosa per evitare di finire al verde!". I brani della tracklist, tutti originali del chitarrista tranne l'ultimo, raccontano delle emozioni e delle situazioni collegate alla pandemia come ad esempio la speranza di poter di nuovo fare ed assistere a concerti dal vivo, le strane dinamiche di coppia che si sono create durante la quarantena o la voglia di ricominciare a vivere e al tempo stesso la paura di non poterlo fare. L'ottavo ed ultimo brano dell'album invece un'appassionata cover del classico di Luther Allison "Cherry Red Wine". In "Unemployed Highly Annoyed" Johnson ha unito i suoni dell'America meridionale con il blues del Mississippi ed un tocco di country per regalare all'ascoltatore un'istantanea dei nostri tempi turbolenti.
anche disponibiliemissione del 18 Gennaio 2021