COEN GABRIELE :  SEPHIROT - KABBALAH IN MUSIC  (PARCO DELLA MUSICA)

Casa Parco della Musica presenta Sephirot - Kabbalah in Music l'album di Gabriele Coen con il suo nuovo sestetto al completo formato da Lutte Berg, Pietro Lussu, Marco Loddo, Luca Caponi e Pierpaolo Bisogno. Dopo le precedenti esperienze con i Klezroym e i due brillanti lavori con la Tzadik (l'etichetta newyorchese di John Zorn), il sassofonista, clarinettista e compositore romano approda questa volta in sestetto al suo sesto disco da titolare, entrando nella scuderia della Parco della Musica Records. Sephirot è il titolo di questo nuovo album, ispirato alla simbologia dell'albero della vita secondo la Kabbalah e la mistica ebraica; un viaggio dentro la struttura del mondo divino a livello mistico, ma anche un'esplorazione degli stati d'animo dell'essere umano. Spiritualismo ed elettricità - dichiara Gabriele Coen - sono i due principi che ho voluto coniugare in questo mio nuovo lavoro: l'albero della vita e i principi della kabbalah e della mistica ebraica, raccontati attraverso dieci composizioni originali ispirate al jazz elettrico di Miles Davis e alle nuove sonorità di John Zorn. Un'esplorazione della struttura del mondo divino ma anche un viaggio dentro gli stati d'animo dell'essere umano. Le Sephirot, infatti, sono i dieci principi basilari che ritroviamo sia nel mondo divino che nella psicologia umana, e sono strutturate come un grande albero e collegate tra loro in modo magico, attraverso ventidue canali. Ventidue come le lettere dell'alfabeto ebraico. Questo mondo magico e metafisico ha dato ispirazione a dieci brani originali dalle forti sonorità elettriche che combinano l'energia e la passione del rock con la profondità e la raffinatezza del jazz. Centrale nel progetto il suono del fender rhodes, il mitico piano elettrico che ha caratterizzato a partire dagli anni Sessanta molta storia del rock, ma anche del jazz. L'ispirazione, quindi, è quella del jazz elettrico alla Miles Davis di Bitches Brew e In a Silent Way, fino alle sonorità attuali dell'Electric Masada e di The Dreamers di John Zorn, formazioni chiave dell'incontro tra musica ebraica e jazz elettrico. Tra i principali divulgatori in Europa della musica ebraica, di lui John Zorn afferma: combinando una conoscenza profonda e un onesto rispetto per la tradizione con un brillante senso del dramma e dell'immaginazione, Gabriele Coen sta componendo oggi una delle più emozionanti e fantasiose Nuove Musiche Ebraiche.
COEN GABRIELE
SEPHIROT - KABBALAH IN MUSIC
PARCO DELLA MUSICA - CD: MPRCD 86
Casa Parco della Musica presenta "Sephirot - Kabbalah in Music" l'album di Gabriele Coen con il suo nuovo sestetto al completo formato da Lutte Berg, Pietro Lussu, Marco Loddo, Luca Caponi e Pierpaolo Bisogno. Dopo le precedenti esperienze con i Klezroym e i due brillanti lavori con la Tzadik (l'etichetta newyorchese di John Zorn), il sassofonista, clarinettista e compositore romano approda questa volta in sestetto al suo sesto disco da titolare, entrando nella scuderia della Parco della Musica Records. "Sephirot" è il titolo di questo nuovo album, ispirato alla simbologia dell'albero della vita secondo la Kabbalah e la mistica ebraica; un viaggio dentro la struttura del mondo divino a livello mistico, ma anche un'esplorazione degli stati d'animo dell'essere umano. "Spiritualismo ed elettricità - dichiara Gabriele Coen - sono i due principi che ho voluto coniugare in questo mio nuovo lavoro: l'albero della vita e i principi della kabbalah e della mistica ebraica, raccontati attraverso dieci composizioni originali ispirate al jazz elettrico di Miles Davis e alle nuove sonorità di John Zorn. Un'esplorazione della struttura del mondo divino ma anche un viaggio dentro gli stati d'animo dell'essere umano. Le Sephirot, infatti, sono i dieci principi basilari che ritroviamo sia nel mondo divino che nella psicologia umana, e sono strutturate come un grande albero e collegate tra loro in modo magico, attraverso ventidue canali. Ventidue come le lettere dell'alfabeto ebraico. Questo mondo magico e metafisico ha dato ispirazione a dieci brani originali dalle forti sonorità elettriche che combinano l'energia e la passione del rock con la profondità e la raffinatezza del jazz. Centrale nel progetto il suono del fender rhodes, il mitico piano elettrico che ha caratterizzato a partire dagli anni Sessanta molta storia del rock, ma anche del jazz". L'ispirazione, quindi, è quella del jazz elettrico alla Miles Davis di "Bitches Brew" e "In a Silent Way", fino alle sonorità attuali dell'Electric Masada e di The Dreamers di John Zorn, formazioni chiave dell'incontro tra musica ebraica e jazz elettrico. Tra i principali divulgatori in Europa della musica ebraica, di lui John Zorn afferma: "combinando una conoscenza profonda e un onesto rispetto per la tradizione con un brillante senso del dramma e dell'immaginazione, Gabriele Coen sta componendo oggi una delle più emozionanti e fantasiose Nuove Musiche Ebraiche".
anche disponibiliemissione del 29 Maggio 2017